Continua a leggere

LE ORIGINI

Per 75 anni, la Maison Balmain si è costantemente avvalsa di un savoir-faire peculiare e di una sartoria impeccabile, per creare una silhouette unica e ben riconoscibile. Paradossalmente, è proprio questo continuo affidarsi ai punti di forza tradizionali del nostro atelier che ci permette di dare vita a una visione tanto entusiasmante del futuro, nonché a collezioni audaci che riflettono la cultura comune nel presente.

L'indirizzo storico di44 Rue François 1er

©Archives Balmain - Rights reserved

GUARDA SOTTO L'INTERVISTA DI OLIVIER ROUSTEING E DELLA SUA SPECIAL GUEST VALERIE STEELE, DIRETTORE DEL MUSEO DELL' ISTITUTO TECNOLOGICO DI MODA

Quando guardiamo allo stile e allo spirito di Jolie Madame di Pierre Balmain – il taglio, i colori, i materiali straordinari e lo spirito unico del nostro fondatore – è facile comprendere come abbia portato la moda verso nuove direzioni, per riflettere una nuova mentalità.
Il contributo unico di Pierre Balmain alla moda del dopoguerra era un riflesso dello spirito emancipato di quella nuova epoca, in cui alle donne fu improvvisamente aperta la porta a nuove possibilità e a nuove posizioni.

Balmain sapeva che bisogna sempre andare avanti.
È una parte del nostro patrimonio.

INTRAMONTABILITA: LA PERPETUA FRESCHEZZA E MODERNITA DI BALMAIN

Non è difficile vedere come i design del nostro fondatore potrebbero essere adottati facilmente ancora oggi – abbinati, mettiamo, ad accessori eleganti in pelle verniciata oppure ai jeans preferiti.
L’intramontabilità è, ovviamente, una componente fondamentale della vera moda di lusso, e una ragione fondamentale che spiega la ricchezza della storia di questa Maison.

DALLE INIZIALI "PB" AL LOGO DELLA CASA

Il monogramma “PB”, nella sua versione estremamente grafica con le due iniziali l’una dentro l’altra, entra ufficialmente nell’identità grafica della Maison a partire dal 1970, per poi diventare un decoro fondamentale sul pavimento della boutique che apre le porte a New York sulla leggendaria Madison Avenue nell’autunno 1970, ma anche della storica sede parigina al 44 di Rue François Ier, riarredato nell’estate del 1971 con un monogramma che gioca con le sfumature di marrone e beige.

Le iniziali “PB”, tributo al fondatore e alla sua Maison, mentre il motivo riflette il fascino di Pierre Balmain per i labirinti che caratterizzano i più splendidi giardini rinascimentali francesi.
BalmainCollezione Haute CoutureEstate 1971

©Archives Balmain – Rights Reserved

TRA TRADIZIONE E MODERNITÀ

Questo patrimonio viene oggi reinterpretato con la linea 1945 creata da Olivier Rousteing: il jacquard bicolore tridimensionale, rivisitato dall’attuale direttore artistico e realizzato da un produttore specializzato in tappezzeria, trae ispirazione direttamente dal jacquard originale di Pierre Balmain, che prende vita con forme contemporanee.

Credito fotografico in ordine di apparizione:
Brigitte Bardot and Pierre Balmain in 1956 © AGIP/ Bridgeman Images
Balmain sur Seine, July 2020 ©Francesca Beltran
Sketch from Pierre Balmain's Haute Couture Fall-Winter 1952 "Jolie Madame" collection ©Archives Balmain
Katharine Hepburn wearing Balmain in "The Millionairess", 1952 © SIPA
"Viollet" Balmain Haute Couture FW 1952 © Roger Berson
Praline modeling the Balmain Winter 1950 collection © AGIP- Bridgeman
Praline modeling the Balmain Winter 1950 collection © AGIP- Bridgeman
Sketch from Pierre Balmain's Haute Couture Fall-Winter 1952 "Jolie Madame" collection © Archives Balmain
Pierre Balmain in his office, circa 1960 © Archives Balmain - Droits réservés
Balmain sur Seine, featuring a Balmain Haute Couture Spring-Summer 1989 dress, July 2020 ©Francesca Beltran

Oops, your web browser is no longer supported

For a better experience, download and use the latest version of one of these browsers

Ultimi avvisi notificati